Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Sport

Valeria, quinta a New York

Nuova grande prova dell'atleta alessandrina, che, pur non centrando il podio, si conferma ancora ai massimi livelli e in grado di tenere testa a chiunque. Valeria Straneo ha chiuso la maratona di New York in 2 ore, 28 minuti e 30 secondi. A vincere è stata la keniana Jeptoo con 2 ore, 25 minuti e 5 secondi
NEW YORK - Quinto posto per Valeria Straneo

L'atleta alessandria ha dato il massimo anche questa volta e, pur avendoci abituati al podio, non possiamo che sottolineare la grande prova fornita anche negli Stati Uniti. Valeria ha chiuso la propria gara non lontanissima dalla prima, la maratoneta keniana Priscah Jeptoo, vincitrice con il tempo di 2 ore, 25 minuti e 5 secondi. In un clima "blindatissimo" per la paura di attentati, la nostra atleta ha tagliato il traguardo fermando il cronometro a 2 ore, 28 minuti e 22 secondi, dopo una gara fatta di generosità e rincorsa, pur non riuscendo ad agganciare le prime. 
 


Un altro appuntamento internazionale per la maratoneta alessandrina Valeria Straneo che oggi sarà tra le protagoniste alla maratona di New York. Dopo l'argento ai mondiali di Mosca e l'oro ai Giochi del Mediterraneo, l'atleta alessandrina punta alla riconferma tra le “big” anche alla classicissima della Grande Mela, per suggellare i successi internazionali di un anno ricco di emozioni. Ancora una volta gli occhi del mondo sportivo e quelli degli alessandrini in particolare sono tutti puntati sulla maratoneta che risulta essere nel gruppo delle “favorite”. Le avversarie da battere sono le keniane: in testa al gruppo Edna Kiplagat (campionessa del mondo e vincitrice della maratona nel 2010) e Priscah Jeptoo. L'unica italiana che si aggiudicò il podio a New York è Franca Fiacconi, presente anche nell'edizione di quest'anno. La diretta sulle reti nazionali dagli Usa parte dalle 15, ora italiana.
3/11/2013
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus