Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Basket

Kevin Dillard è il nuovo playmaker della Novipiù

Rookie da Chicago, ha chiuso l'esperienza di college come uno dei migliori di sempre a Dayton
 CASALE MONFERRATO - Accordo raggiunto dalla Novipiù con il playmaker Kevin Andre Dillard. Nato il 15 ottobre 1989 a Homewood, Illinois, Kevin è una point guard di 1,83 metri, dotato di precisione al tiro e visione di gioco. Dopo i quattro anni di liceo a Flossmoor, con l'ultima stagione chiusa con 23.3 punti, 5.6 assist e 4.3 rimbalzi di media e la nomina a "Mr. Basketball of Illinois", Dillard approda alla Southern Illinois University. Nella sua prima stagione d'ateneo realizza 12.2 punti a partita, media replicata l'anno successivo pur con un minutaggio inferiore (dai 30.9 della stagione 2008/2009 ai 28.9 della 2009/2010).
Chiusi i primi due anni universitari, Kevin viene reclutato da University of Dayton, scelta che gli costa un anno di stop forzato a fronte delle "transfer rules" americane. Chiude la stagione 2011/2012, la prima sul campo con la canotta dei Flyers, come miglior realizzatore d'ateneo (13.3 di media), miglior assistman (6.0) e giocatore maggiormente impiegato (32' di media ). Nella stagione successiva, ovvero la scorsa, fa ancora meglio: media punti ritoccata verso l'alto (15.3 a gara) e conferme alle voci assist (4.5 a partita, complessivamente la seconda miglior media di sempre alla UD), tiri da tre (55 le triple in stagione, con il 39.6% da 3) e tiri dalla lunetta (89.2%, ottava miglior media di tutta la NCAA).
Figlio d'arte (il padre Kevin Sr - ora arbitro nella NCAA femminile - ha giocato alla S. Ambrose University e ha successivamente allenato alla Bremen High School), Kevin ha scelto l'Italia e la Junior come primo fondamentale passo della propria carriera professionistica.

Le sue prime parole in rossoblù: "Non vedo l'ora di iniziare questa avventura, la prima per me lontano da casa. Ho parlato più volte con la Società, con il General Manager e l'Allenatore, e ho subito avuto la sensazione che questa possa essere per me un'esperienza molto positiva, la situazione ideale per un giocatore appena uscito dal college come me. Il mio obiettivo è quello di imparare e migliorarmi gara dopo gara, e dare il mio contributo per far ottenere alla Junior i migliori risultati possibili".
8/08/2013
Riccardo Robotti - redazione@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus