Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Basket

Juan Marcos Casini è rossoblù

La guardia italo-argentina arriva da Ferentino. In Italia ha vestito le canotte di Jesi, Cantù, Pistoia e Scafati
CASALE MONFERRATO - Guardia di 1.90, classe 1980, argentino di passaporto italiano, Juan Marcos cresce cestisticamente nel club della propria città, l'Atenas Cordoba, facendo il proprio esordio agonistico nel 1998. Gioca due stagioni con la canotta dell'Atenas, laureandosi campione argentino nel 1999 e disputando una finale di Liga Sudamericana l'anno successivo. Nell'estate del 2000 si trasferisce al Regatas Correintes, dove rimane per due anni prima di approdare all'Andino La Roja, con cui disputa la stagione 2002/2003. Nell'estate del 2003 si trasferisce a Jesi, bagnando il proprio debutto in Italia con la conquista del campionato di Legadue. Una stagione positiva per lui, che gli vale la conferma in Serie A. Con la canotta dell'Aurora disputa complessivamente quattro stagioni, prima di passare nell'estate del 2007 alla Pallacanestro Cantù. Nella stagione successiva, la 2008/2009, ritorna in patria per vestire la canotta del Boca Juniors, ma dopo un anno é di nuovo in Italia, con la Carmatic Pistoia, per una stagione molto positiva, chiusa con 34 presenze complessive e 9 punti a gara (10 nei playoffs). Nella stagione 2010/2011 passa a Scafati, dove incontra coach Giulio Griccioli, che gli ritaglia immediatamente un ruolo importante nella sua rotazione. Chiude la prima stagione con 5 punti e 2 rimbalzi di media in 34 partite, e fa meglio la stagione successiva, la 2011/2012, sempre sotto la guida di coach Griccioli: in regular season totalizza 8 punti e 2.6 rimbalzi di media in 28 presenze, numeri ritoccati verso l'alto nelle quattro gare di playoffs contro Pistoia, chiuse con 11.7 punti di media e un impressionante high di 30 punti siglato il 29 maggio 2012, ancora oggi la miglior performance di sempre per lui. Nell'estate scorsa, si accorda con Napoli, ma a seguito dell'esclusione dal campionato del club partenopeo viene rilevato da Ferentino, dove termina la stagione con 9.7 punti e 2.7 rimbalzi di media.

Le sue prime parole in rossoblù: "Sono veramente felice di vivere questa nuova avventura, in una Società che negli ultimi anni ha dimostrato tutto il suo valore. Ringrazio il Club per avermi scelto: per me si tratta di un'opportunità importante, e in piú ritroverò coach Griccioli, con cui mi sono trovato molto bene nei due anni a Scafati. All'epoca Giulio era all'esordio da allenatore di prima squadra eppure riusciva già a mettere in luce delle evidenti capacità tattiche e di gestione del gruppo. Le sue squadre sono molto forti e riescono ad avere grande solidità soprattutto in trasferta, caratteristiche che la Novipiú aveva anche l'anno scorso. Da giocatore della Junior mi auguro che la squadra assimili la sua mentalità, e a livello personale spero di dare sempre il massimo per il gruppo".
12/08/2013
Riccardo Robotti - riccardo.robotti@alice.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus