Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serravalle Scrivia

Centri commerciali, Serravalle ora vuole una nuova stazione e ingrandire il casello

Ampliare il casello dell'autostrada A7 e realizzare una stazione ferroviaria al servizio dei centri commerciali di Serravalle Scrivia: sono gli obiettivi dell'a.d. di Aedes Giuseppe Roveda. Intanto il 14 giugno si inaugurano i nuovi negozi con un tentativo di Guinness: la focaccia novese più lunga del mondo
SERRAVALLE SCRIVIA – Il nuovo ramo di collegamento della strada 35 ter con i centri commerciali di Serravalle Scrivia è stato inaugurato appena ieri mattina, ma Giuseppe Roveda – amministratore delegato di Aedes Siiq e deus ex machina del Retail Park – guarda già oltre: «Ora servirebbe il potenziamento del casello autostradale sulla A7 e una stazione ferroviaria».

Può sembrare un’idea visionaria, ma non lo era forse anche quella di trasformare la collina di Serravalle in una delle più grandi città dello shopping di tutta Europa? Roveda avrebbe già anche scelto la posizione: «Proprio qui a fianco», dice indicando i binari che corrono dietro l’Outlet, accanto al cavalcaferrovia su cui si è tenuto il taglio del nastro della nuova strada. «E poi, anziché i pullman, per portare qui i visitatori useremo i treni».

Il progetto di potenziamento del casello autostradale di Serravalle piace non solo ai proprietari dei centri commerciali, ma anche alla politica. Il sindaco Alberto Carbone ha rinnovato l’appello per la costruzione di una circonvallazione intorno all’abitato. E il capogruppo del Pd in consiglio regionale, Domenico Ravetti, si è spinto oltre e ha chiesto all’assessore ai Trasporti Francesco Balocco di aprire un tavolo tecnico per lo spostamento del casello, «dal momento che circa 1,8 milioni di vetture raggiungono il centro commerciale transitando attraverso l’attuale casello, dotato solo di quattro portali in ingresso e tre in uscita, causando, soprattutto nei giorni festivi, lunghe code e intasamenti».

Con l’apertura della bretella tra la 35 ter e i centri commerciali – 630 metri di lunghezza per quasi 2,7 milioni di euro di costo – è scattato il semaforo verde anche per l’inaugurazione dei nuovi negozi del Retail Park. La data è già fissata: 14 giugno. «Quel giorno faremo una grande festa – dice Roveda – Tenteremo di entrare nel Guinness dei primati con la focaccia novese più lunga del mondo, cento metri di bontà che distribuiremo ai visitatori».

A giugno apriranno 15 nuovi negozi. Entro la fine dell’anno ne seguiranno altri. La parte dedicata all’intrattenimento dei bimbi aprirà a dicembre. Poi, nel 2020, sarà terminata una nuova area di 6 mila metri quadrati, tutta in territorio di Novi. «La Fase C del Retail Park sarà caratterizzata da una “food court”, un’area dedicata principalmente al cibo – spiega l’amministratore delegato di Aedes – Ci sarà anche il totem circolare più alto d’Europa: sarà visibile da tutto il centro e servirà a trasmettere eventi in streaming». Sarà presente anche un grande schermo interattivo a cui i visitatori potranno connettere i propri smartphone.
17/05/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...