Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Terzo Valico, l'Ue dice no ai fondi. "Ma non è uno stop all'opera"

Non c’è la nuova linea ferroviaria Genova-Novi tra i progetti finanziati dall’Unione Europea nell’ambito del Piano Juncker. Per il Movimento 5 Stelle "è la dimostrazione che non si tratta di una infrastruttura strategica". Borioli: "Non è una bocciatura, l'Europa ha semplicemente dato la priorità ai progetti transnazionali"
BRUXELLES – Non c’è il Terzo Valico dei Giovi tra i progetti finanziati dall’Unione Europea nell’ambito del Piano Juncker per il rilancio della crescita e dell’occupazione grazie a investimenti nel settore delle grandi infrastrutture. L’Italia ha ottenuto i fondi Ue della Connecting Europe Facility per realizzare 15 progetti per un controvalore di circa 1,2 miliardi di euro. La lista è stata resa nota ieri, lunedì 29 giugno. La Commissione Europea ha selezionato 276 progetti sui circa 700 arrivati: tra quelli italiani c’è la Torino-Lione e il valico del Brennero, ma non il Terzo Valico.

Il Tvg era stato inserito dal Governo italiano nella lista inviata alla Commissione Ue e alla Bei, la Banca europea degli investimenti, nel dicembre scorso. L’opera avrebbe dovuto consentire, secondo la relazione del Governo, “una significativa espansione dell’offerta per il traffico merci, aumentando i collegamenti fra Genova, il sistema dei porti del nord del Tirreno con il Nord Italia e l’Europa”. Una spiegazione che non ha convinto Bruxelles, forse anche a causa degli alti costi: 6,2 miliardi di euro per 67 chilometri complessivi di linea, a fronte di 13,1 miliardi di euro stanziati per tutti e 276 i progetti europei.

Il “no” al Terzo Valico da parte dell’Europa non equivale a uno stop all’opera. Certamente con i finanziamenti comunitari la strada per la realizzazione della nuova linea ferroviaria sarebbe stata in discesa, ma i fondi già stanziati rimangono confermati. Si tratta, secondo quanto riporta il quotidiano economico Il sole 24 ore, di 760 milioni per il primo lotto, 860 milioni per il secondo e 607 milioni per il terzo.

Non è corretto parlare di bocciatura da parte della Commissione Europea – afferma il senatore Daniele Borioli (Pd), membro della commissione Lavori pubblici a Palazzo Madama – Mi sarei stupito anzi del contrario: giustamente l’Ue ha dato priorità alle opere transnazionali. Per il Terzo Valico, a bilancio l’Italia non aveva iscritto alcun finanziamento europeo: la decisione di ieri dunque non toglie e non aggiunge nulla rispetto alla situazione preesistente”.

L’esclusione del Terzo Valico dai finanziamenti Ue è la riprova che non è mai stato un progetto strategico per i traffici europei. Oltre a essere inutile sarebbe tutto a carico della fiscalità generale, quindi dei cittadini italiani”, replica il senatore Marco Scibona (M5s).

Vanno all’attacco anche i comitati No Tav. “Nessuno stupore” da parte loro per la decisione di Bruxelles: “Lo avevamo scritto in tempi non sospetti che l’Europa non ha mai chiesto la realizzazione del Terzo Valico. Se l’Italia vorrà continuare a costruire un’opera inutile dovrà farlo solo ed esclusivamente coi soldi dei contribuenti italiani”.

Il servizio completo sul Novese in edicola a partire da giovedì 2 luglio.
30/06/2015
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
“HAKUNA MATATA “ per un pomeriggio e una sera “senza pensieri” al TEATRO ALESSANDRINO SABATO 17 MARZO
“HAKUNA MATATA “ per un pomeriggio e una sera “senza pensieri” al TEATRO ALESSANDRINO SABATO 17 MARZO