Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Ancora una proroga per le comunità montane

E' stata concessa un'ulteriore proroga dalla Regione di sei mesi, ai commissari nominati lo scorso aprile 2014 per liquidare le ex comunità montane. Il problema del personale: tredici probabili esuberi tra ovadese e acquese, quattro in val Borbera e Curone
PROVINCIA - E' stata concessa un'ulteriore proroga dalla Regione di sei mesi ai commissari nominati lo scorso aprile 2014 per liquidare quel che reste dei vecchi enti di secondo grado. Siamo alla terza proroga ma il lavoro da portare a termine è ancora lungo.
Sono proprio le comunità dell'alessandrino a presentare le situazioni più ingarbugliate: per loro venerdì, ad Alessandria, ci sarà un'ulteriore riunione.  "Ci siamo trovati di fronte a convenzioni non applicate da risolvere, mutui ancora in essere di cui nessuno vuole farsi carico, immobili da vendere", spiega il commissario dell'ex comunità Alta Val Lemme alto Ovadese e Suol d'Aleramo, Paolo Caviglia.
Le funzioni, i debiti e i crediti avrebbero dovuto essere ripartiti tra i comuni che ne facevano parte e alle unioni dei comuni che, in alcuni casi, non si sono ancora costituiti o si sono già sciolte.
Entro la fine dell'anno, quindi, la Regione dovrà approvare i piani di riparto preparati dai commissari e, questi, darne attuazione. 
Sulle ceneri della ex comunità Valli del Giarolo sono nate tre unioni di comuni, una per l'Alta Valle Borbera, ed una per la Bassa Valle, ed una in Val Curone. Ma, solo per fare un esempio, Cabella e Albera starebbero lasciare quella dell'alta Valle, in favore dell'altra. Nell'ex comunità Alta Val Lemme e Ovadese, la Regione deve ancora riconoscere l'unione tra Carrosio, Voltaggio e Bosio. Insomma, un pasticcio.
La partita più dura è quella dei dipendenti. "A conti più o meno fatti, per le cm dell'ovadese e acquese ci sarebbero circa tredici esuberi". Un po' meglio in Val Borbera, dove gli esuberi potrebbero essere tre o quattro, "dovrebbero essere assorbiti dalla Regione, per funzioni che passeranno in carico direttamente a Torino", specifica Cesare Rossini, commissario a Cantalupo Ligure (Val Borbera). Nulla, però, è stato ancora definito. I sindacati chiedono da tempo chiarezza per il futuro dei dipendenti e chiedono, anche, che l'ente che se ne farà carico garantisca un passaggio "a pari condizioni". Ma i comuni, quelli che si sono organizzati in unioni, nicchiano. Si tratta di comunità tra i 600 e i 2500 abitanti e nessuno sembra potersi permettere maggiori oneri per il personale.
27/06/2015
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Incendio a Mandrogne
Incendio a Mandrogne