Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Pernigotti, nuovo vertice a Roma per la cassa integrazione

Nuovo vertice a Roma sul futuro della Pernigotti. I sindacati e i rappresentanti dei Toksoz sono convocati al ministero del Lavoro per la firma dell'accordo sulla cassa integrazione. L'azienda scoprirà le sue carte?
NOVI LIGURE – Nuovo vertice, domani a Roma, sul futuro della Pernigotti. Sindacati e rappresentanti dell’azienda sono convocati al ministero del Lavoro per la firma dell’accordo sulla cassa integrazione. È il primo nodo da sciogliere. La proprietà turca aveva annunciato che la cassa integrazione sarebbe stata chiesta “per cessazione”, per la durata di un anno a partire dal 3 dicembre. I sindacati chiedevano invece che venisse estesa a due anni e soprattutto che fosse concessa “per ristrutturazione aziendale”. La differenza è sostanziale: nel primo caso l’azienda chiude, nel secondo invece rimangono spiragli per la vendita o il rilancio dell’attività.

Dopo l’incontro tra il premier Conte, il ministro Di Maio e Zafer Toksoz, da Palazzo Chigi avevano fatto sapere che «l’azienda farà richiesta di cassa integrazione con causale di reindustrializzazione al fine di garantire l’ammortizzatore sociale ai propri dipendenti». La Pernigotti dal canto suo ha replicato di aver «accolto la richiesta del Governo di posticipare il termine relativo alla richiesta di cassa integrazione guadagni fino al 31 dicembre 2018», senza specificare la causale.

«Domani ci aspettiamo risposte chiare – spiega Tiziano Crocco, segretario provinciale della Uila-Uil – Per quanto ci riguarda le opzioni sono solo due. O la cassa integrazione è per ristrutturazione, e allora ne discutiamo. O è per cessazione, e l’accordo non sarà possibile». Altra giornata importante sarà quella di sabato 1° dicembre, quando la città di Novi è chiamata a scendere in strada a difesa dello stabilimento Pernigotti e dei suoi dipendenti: il ritrovo è fissato alle 15.30 davanti ai cancelli dell’azienda, da cui partirà un corteo che si dirigerà verso il centro attraversando viale Saffi e via Girardengo, fino a piazza della Collegiata.

È già partita, invece, la raccolta fondi a favore delle famiglie dei lavoratori della fabbrica, degli interinali e dei dipendenti del supermercato Iperdì di via Oneto, senza stipendio da luglio. I versamenti possono essere effettuati su un conto corrente bancario intestato alla Caritas diocesana di Tortona (iban IT48N 03111 48420 00000 0000838; causale: solidarietà dipendenti Pernigotti).
29/11/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film