Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

"Elezioni 2019, una partita tutta da giocare con Muliere capitano"

Per il coordinatore del Pd di Novi Ligure Matteo Morando "Muliere rimane la punta di diamante" del partito. Le primarie in vista delle elezioni comunali 2019? "Una tangibile apertura a chi si alleerà con noi, decisa con il favore del sindaco"
Riceviamo e pubblichiamo da Matteo Morando, coordinatore del circolo del Partito Democratico di Novi Ligure.

NOVI LIGURE – Dopo le elezioni del 4 marzo, il Circolo del Partito Democratico ha svolto un’analisi approfondita del voto nonché delle cause che hanno prodotto un risultato tanto negativo e insoddisfacente. I dati elettorali dicono che la situazione è seria e che, pertanto, abbandonarsi alla disperazione o alle liti non sarà di alcuna utilità. Per questo, intendiamo ripartire stringendoci, ancora di più, intorno alla figura del sindaco Rocchino Muliere, che era e rimane la nostra punta di diamante.

Nella recente assemblea degli iscritti (allargata ai circoli della zona) si è posto l’accento, in primo luogo, sulle politiche dei governi a marchio Pd che meno sono state apprezzate dai cittadini (ad es. il jobs act che, nella nostra realtà, è risultato costantemente contestato quando abbiamo incontrato i dipendenti di Ilva e della grande distribuzione); sugli errori di comunicazione che non hanno dato opportuno risalto alle buone politiche realizzate (tra le molte, sgravi fiscali per i redditi più bassi; unioni civili; “dopo di noi”; reddito di inclusione; bonus mamma e bonus bébé); sulla campagna elettorale confusionaria che – mentre centrodestra e M5s battevano su pochi ma chiari punti proponendo una leadership evidente – si è sviluppata su 100 punti; sul contesto nervoso sia per la scissione di alcuni mesi fa sia per l’esecrabile modalità seguita per formare le liste (e che, in provincia di Alessandria, ha portato alla mancata elezione di un nostro rappresentante in Parlamento); sul fatto che il Pd non è stato in grado di dire chiaramente chi fosse il leader designato in caso di vittoria; sull’assenza di entusiasmo, come se il Pd avesse deciso di darsi perdente in partenza.

Pur essendo incontestabile il pensiero di chi, come Giorgio Napolitano, ha invitato al rispetto del risultato delle urne, il Partito nazionale sbaglia a chiudere o aprire porte ad eventuali alleanze senza prima interpellare i propri iscritti. È, invece, stato un atto doveroso, da parte nostra, complimentarci con quanti sono usciti vincitori dal voto ed ai quali tocca, nelle consultazioni, proporre un percorso per arrivare alla formazione di un governo stabile.

A livello locale, il dato delle elezioni politiche e gli errori commessi dal Pd a livello nazionale obbligano a fare tesoro della lezione impartitaci dagli elettori; a dare il massimo in vista delle Amministrative del 2019 in quanto, a dispetto dei numeri del 4 marzo, la partita è tutta da giocare, come dimostra il fatto che, all’indomani della disfatta, il circolo non solo non ha registrato abbandoni ma ha ricevuto richieste di tesseramento da parte di persone che, oggi, per la prima volta, hanno deciso di avvicinarsi alla politica.
Nelle prossime settimane, convocheremo gli iscritti per un’assemblea volta ad analizzare l’attività di questi primi quattro anni di amministrazione e promuovere al meglio le tante buone politiche attuate; per individuare ciò che non è stato ancora possibile realizzare; per stabilire, con sindaco, giunta e consiglieri, le priorità dell’ultimo anno di mandato e porre le prime basi di quello che sarà il programma delle elezioni 2019.

Come anticipato alcune settimane fa, nonostante fino ad oggi non abbia pagato, proseguiremo il lavoro, iniziato nel 2017, a sostegno del mondo del lavoro (Ilva, Kme, Outlet – Iper – Retail Park); della sanità, della legalità e dell’ambiente. Il circolo lavorerà in un’ottica di massima apertura, trasparenza e disponibilità, in primo luogo, verso le attuali forze di maggioranza; della popolazione novese (al punto che, a breve, trasferiremo la sede in un locale in centro storico privo di barriere architettoniche); di tutte le forze politiche, imparentate (o meno) con noi e che abbiano il piacere di fare un percorso politico con il Pd locale.

È per questa ragione che, tanto nell’assemblea degli iscritti quanto nel coordinamento cittadino, con il favore del sindaco – al quale ribadiamo totale e incondizionato appoggio – si è deciso di dimostrare una tangibile apertura a quanti si alleeranno con noi, manifestando la nostra disponibilità a rendere contendibile la candidatura a sindaco attraverso le primarie. È evidente che, non essendo ancora definito il perimetro delle alleanze, parlare di date non ha alcun senso; così come non ha senso ipotizzare, per il Pd, un candidato diverso da Rocchino Muliere.
1/04/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



EVENTO 40° ANNIVERSARIO REVERCHON
EVENTO 40° ANNIVERSARIO REVERCHON
Inaugurazione DS Store Alessandria - Maurizio Zoccatato GrandiAuto
Inaugurazione DS Store Alessandria - Maurizio Zoccatato GrandiAuto
Inaugurazione DS Store Alessandria
Inaugurazione DS Store Alessandria
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
“HAKUNA MATATA “ per un pomeriggio e una sera “senza pensieri” al TEATRO ALESSANDRINO SABATO 17 MARZO
“HAKUNA MATATA “ per un pomeriggio e una sera “senza pensieri” al TEATRO ALESSANDRINO SABATO 17 MARZO