Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Intervista

Mariano alla presidenza della Fondazione Cra. "Gli introiti sono pochi. Sar nostro compito cercare altre entrate"

"Una fondazione bancaria deve occuparsi di tanti settori e farlo in modo equilibrato. Dalle pro loco dei piccoli paesi alle grandi strutture davanguardia della Sanit. Utilizzer un raggio ampio ed equilibrato"
INTERVISTA - Laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Pavia, 66 anni, il notaio Luciano Mariano è il nuovo presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria.

Dal cda alla presidenza: soddisfatto?
Molto soddisfatto.  La fiducia che il consiglio generale, prima, e il cda, poi, hanno riposto in me è motivo di grande orgoglio. E pure di grande senso di responsabilità. Oneri e onori, insomma. Dedico questa nomina a mio fratello Roberto.

Per la presidenza si sono fatti tanti nomi, ma mai il suo. A conferma che chi entra Papa esce cardinale...
È vero. È stata una sorpresa anche per me.

Come valuta l’operato della Fondazione fin qui?
Molto bene. Continuerò, con molta discrezione, nel solco tracciato dai miei predecessori.

La “discrezione” sarà la sua cifra stilistica?
Ritengo che la fondazione non abbia bisogno di farsi bella... Necessita di equilibrio e semplicità.

Cosa cambierà e cosa preserverà?
Preserverò tutto ciò che riuscirò a preservare. Una cosa, di certo, la cambierò: chiederò una maggior collegialità, anche per rendere il mio operato più semplice e compatibile con il mio lavoro quotidiano.

L’obiettivo principale di questo mandato?
Ci sono tre cifre importanti in una fondazione: quante sostanze riesci a introitare, quante ne spendi e quante ne riesci a elargire. Voglio ottimizzare il rapporto tra queste tre cifre.

Su quale settore si concentrerà maggiormente?
A mio avviso una fondazione bancaria deve occuparsi di tanti settori e farlo in modo equilibrato. Dalle pro loco dei piccoli paesi alle grandi strutture d’avanguardia della Sanità. Utilizzerò un raggio ampio ed 
equilibrato.

Negli anni la Fondazione ha avuto disponibilità sempre minori da stanziare a favore del territorio: come affronterà questo problema?
Eredito un ente con i conti in ordine e che ha fatto della trasparenza una regola. Taverna e i suoi collaboratori hanno fatto un lavoro ottimo.  Certo, gli introiti sono pochi. Sarà nostro compito cercare altre entrate.

12/05/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile