Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia

MigraVenture 1.2: nuova edizione del Programma di Supporto all’Imprenditoria Migrante in Africa

il Programma, grazie ad una partnership consolidata e al rinnovato impegno della Cooperazione Italiana, offre oggi l’opportunità a nuove idee d’impresa che intendano coniugare la sostenibilità economico-finanziaria, con il perseguimento di obiettivi d’impatto sociale e ambientale nei territori e nelle comunità africane in cui si insediano
ECONOMIA - Dopo i risultati incoraggianti della prima edizione pilota 2016-2017, il Programma Migraventure, grazie ad una partnership consolidata e al rinnovato impegno della Cooperazione Italiana, offre oggi l’opportunità a nuove idee d’impresa che intendano coniugare la sostenibilità economico-finanziaria, con il perseguimento di obiettivi d’impatto sociale e ambientale nei territori e nelle comunità africane in cui si insediano.

MigraVenture è rivolto a migranti imprenditori o aspiranti tali, che vivono in Italia e che intendono avviare una nuova impresa, o consolidarne una già esistente, sul territorio di un Paese africano, generando occupazione e impatto socio-economico positivo. L’invito a presentare proposte mira a identificare alcune idee imprenditoriali di alto valore, con caratteristiche di redditività e sostenibilità socio-economica e ambientale nel medio periodo.

Per i progetti selezionati il programma prevede un percorso formativo mirato e un accompagnamento tecnico sia in Italia sia nei Paesi destinatari dell’intervento, oltre alla possibilità di presentare il proprio business plan a una rete di investitori responsabili e al fondo pilota di capitalizzazione, per sostenere la nascita e lo sviluppo delle PMI (Piccole Medie Imprese).

L’invito è aperto a tutti i cittadini di Paesi africani regolarmente residenti in Italia; saranno accolte e valutate proposte che insistano sull’intero continente africano, prediligendo i Paesi definiti prioritari dalle linee guida del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e che abbiano regolare permesso per operare. Sono particolarmente incoraggiate a presentare proposte le imprenditrici donne.

Contenuto del programma
Il programma di sostegno all’imprenditoria migrante MigraVenture prevede:
- Un’attività formativa svolta in piccoli gruppi (training) in Italia, finalizzata a trasferire le nozioni di base sulla gestione d’impresa e sullo sviluppo dei potenziali progetti imprenditoriali in Africa;
- Una fase di coaching individuale, riservata ai progetti imprenditoriali che presenteranno il più alto potenziale di sostenibilità e di attuazione nel breve periodo, finalizzata a migliorarne i business plan;
- Un accompagnamento, riservato ai migliori progetti, alla presentazione dei progetti d’impresa, presso una rete d’investitori responsabili, che potranno valutare l’opportunità di un investimento nelle stesse imprese. Vi sarà inoltre una disponibilità, per la quota residua, del fondo di capitalizzazione attivato nell’edizione precedente del Programma, ad investire nei progetti a più alto potenziale di sviluppo economico-sociale, identificati a conclusione del coaching. L’indirizzo strategico e il carattere innovativo di MigraVenture sostengono in primo luogo gli investimenti in forma di capitale di rischio, con lo scopo di accompagnare la crescita delle imprese nel medio periodo e di rafforzare le partnership imprenditoriali. L’obiettivo degli investimenti, che interverranno con una quota di minoranza nel capitale delle imprese, è quello di sostenerne la crescita e il consolidamento, per farle successivamente transitare nella totale proprietà dell’imprenditore.
- Un’attività di accompagnamento, follow-up e monitoraggio nei Paesi del continente africano in cui saranno attuati i progetti imprenditoriali.

Requisiti di eleggibilità delle proposte:
- Il Proponente deve essere un cittadino africano in possesso di regolare permesso di soggiorno e/o residente in Italia (valido per tutta la durata del programma) ;
- La proposta d’impresa deve svilupparsi nel territorio di uno Stato africano;
- L’impresa costituita o da costituirsi (start-up) dovrà essere di diritto del Paese africano destinatario dell’azione e preferibilmente organizzata in forma di società di capitali (o equivalente), in linea con la legislazione locale;
- Il proponente dovrà detenere la proprietà o la maggioranza delle quote della società in essere o della costituenda;
- Il settore d’intervento dell’impresa dovrà escludere quelli previsti dai criteri di sostenibilità etica: niente armi, gioco d’azzardo, pornografia, tabacco e alcol, estrazione mineraria o di risorse naturali protette.

Criteri preferenziali per l’accesso al programma:
- L’impresa sarà attuata in uno dei Paesi africani che rappresentano una priorità secondo le linee guida del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale;
- Il progetto prevede la formazione di una partnership imprenditoriale con altri soggetti nei Paesi d’origine o con imprese italiane;
- Il proponente ha una precedente esperienza nel settore oggetto dell’impresa;
- L’impresa è coerente con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e prevede la creazione di valore aggiunto, dimostrando un impatto sociale e ambientale positivo nell’attuazione dell’attività economica;
- Il progetto d’impresa è guidato da una donna imprenditrice ovvero è generatore di occupazione femminile nella comunità in cui opera.

Contenuto delle domande
Ogni idea imprenditoriale dovrà contenere:
- Profilo del proponente e di tutti i soci, con descrizione delle competenze specifiche, funzionali al buon andamento del progetto, su modello allegato;
- Copia del documento d’identità del proponente e dei soci e, nei casi previsti dalla legge, del permesso di soggiorno valido per l’intera durata del progetto;
- Un business plan dettagliato, da presentarsi attraverso l’All.2 ovvero in formato libero (max 20 pagine) nelle lingue italiano, inglese o francese e comprensivo dei seguenti elementi:
a) Analisi del mercato di riferimento;
b) Descrizione dettagliata delle attività che garantiscono il corretto sviluppo dell’impresa;
c) Risorse umane, strumentali e finanziarie necessarie all’avvio dell’impresa;
d) Stima dei costi di avviamento e proiezioni di sviluppo dell’impresa; piano di sostenibilità economica, comprensivo di stima dei ricavi attesi e periodo di rientro del capitale investito;
e) Piano commerciale e di comunicazione per l’introduzione del prodotto o servizio sul mercato;
f) Analisi sintetica d’impatto socio-economico e ambientale del progetto imprenditoriale sulla comunità di riferimento.

Modalità di presentazione delle domande
Le candidature dovranno essere inviate tramite e-mail all’indirizzo migraventure@etimos.org entro e non oltre le ore 12:00 del giorno 10 Agosto 2018.
- Non saranno prese in considerazione proposte incomplete e/o presentate dopo il termine di cui sopra ed il Programma MigraVenture si riserva il diritto di rifiutare una o tutte le offerte;
- I soggetti che non riceveranno la notifica di selezione entro il 24 Settembre 2018 si intendono non selezionati;
- Etimos Foundation comunicherà il risultato all’aggiudicatario prescelto a mezzo posta elettronica, entro 40 giorni lavorativi dal termine stabilito per la presentazione delle proposte, che saranno esaminate e valutate da un apposito Comitato di esperti;
- Etimos Foundation respingerà ogni proposta presentata dagli offerenti o, eventualmente, rescinderà l’accordo se è accertato che essi siano impegnati in pratiche di corruzione, fraudolente, collusive o coercitive;
- La policy di Etimos Foundation, dell’OIM e di tutti i loro partner richiede che tutto il personale, gli offerenti, i fabbricanti, i fornitori o i distributori osservino i più alti standard etici durante l’esecuzione di tutti i contratti.

link al bando in originale e allegati
25/07/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi