Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Terzo Valico

Lupi: "l'opera vada avanti, ma comunicate tempi e modi"

Il ministro Lupi ai sindaci: il Terzo Valico "resta un'opera strategica non solo per il territorio ma per l'intero Paese", la priorità è ora quella di "comunicare". Il sindaco Rossa: "senza garanzie su logistica e ambiente l'opera non deve iniziare". Repetto (Voltaggio) "parzialmente soddisfatto dalle risposte"
ALESSANDRIA - Logistica e "comunicazione". Sono le due questioni rimaste aperte sul Terzo Valico dei Giovi anche dopo l'incontro dei sindaci con il ministro dei Trasporti ed Infrastrutture Maurizio Lupi, che si è tenuto ieri ad Alessandria, nella sede della Prefettura. Quasi tre ore di dibattito, domande e risposte, alcune solo accennate.
Se ormai è chiaro che per il governo, nazionale e regionale, "il terzo valico è un'opera strategica non solo per il territorio ma per l'intero paese", non è altrettanto chiaro qual è il rapporto costi benefici per la provincia di Alessandria.
Lupi, accogliendo quella che lui stesso ha definito una "legittima e corretta esigenza dei sindaci", parla di "necessità di avviare un progetto di comunicazione, non per convincere la popolazione della bontà dell'opera, ma per fornire risposte".
Quattro le istanze portate dai sindaci e dalla Provincia all'attenzione del ministro: strategicità dell'opera, ricadute sul territorio, garanzie sulla questione ambientale e un sistema di comunicazione alle popolazioni interessate "di cui non possiamo farci carico noi primi cittadini", come ha sottolineato il sindaco di Voltaggio Lorenzo Repetto anche a nome dei colleghi.
Le stesse questioni che erano contenute nella richiesta di moratoria sottoscritta lo scorso marzo.

Se, sul tema ambientale, le risposte sono arrivate dai tecnici, le altre attengono alla politica e Lupi le ha sintetizzate, nelle conclusioni, chiedendo a Cociv, Rfi e Regione di "attuare e implementare un piano di comunicazione, indicando chiaramente quali sono i vantaggi per il territorio, anche se le ricadute non sono solo locali, ma dell'intera nazione, arrivando a definire un calendario dei lavori", esortando nel contempo ad "andare avanti senza indugi".
Conciliante anche il presidente della Regione Roberto Cota che parla di un "giusto dialogo sul territorio" e chiede di superare campanilismi ma di assumere una visione più globale dell'opera: "c'è un unico disegno, quello di collegare Genova al Nord Europa. Questa è un'opera finalizzata a rilanciare tutto il sistema produttivo piemontese".

Sulla questione ambientale
(presenza di amianto e tutela delle fonti idriche) i tavoli regionali sono già avviati ed hanno portato alla definizione di un protocollo adottato dal ministero dell'Ambiente.
Sarà Arpa Piemonte a monitorare il rispetto del protocollo di sicurezza: "l'amianto è presente nelle rocce oggetto di scavo – ha detto il direttore di Arpa Piemonte Angelo Robotto – Daremo il sopporto tecnico e scientifico sui rilievi geologici, controllando il fronte di scavo, azione indispensabile per evitare dispersione dell'amianto, e controllando il materiale di risulta. Saranno effettuati anche controlli dell'aria su alcuni punti, nei cantieri e nei centri abitati". Analogo controllo, ma con interventi a posteriori, qualora si renda necessario, sarà portato avanti sulle fonti idriche.

I numeri sulla strategicità dell'opera – data per assodata - prova a darli l'amministratore delegato di Rfi, Michele Elia che, per sgomberare il campo da equivoci, premette: "Rfi ritiene che l'opera sia strategica. Il fine non deve essere quello dell'infrastruttura fine a se stessa, ma rispondere ad una esigenza di modernizzazione che ci chiede l'Europa, che porti ad intercettare il traffico che da Suez è diretto verso il Nord Europa, con un beneficio sui costi di trasporto delle merci".
Il traffico potenziale, secondo le proiezioni, potrebbe essere di 4,8 milioni di teu. "Su gomma il costo sociale del trasporto è di 8,8 centesimo per tonnellata, su rotaia è di 1,8 centesimi". 
Rimodernare le linee esistenti? "una risale al 1848, l'altra agli inizi del Novecento. Quella via Ovada non ha le caratteristiche adeguate". Quindi, avanti tutta, nonostante, ammette, ci sia stato "un aumento dei costi dovuti da un lato alle nuove normative sulle gallerie, dall'altra sulle indennità di esproprio, non più rapportate al valore catastale ma al prezzo di mercato". E a che punto sono gli espropri? "Abbiamo acquisito il 50% circa delle aree, adottando una politica di dialogo con i proprietari. Chiediamo ora l'aiuto degli amministratori locali per favorire il dialogo con chi ancora non è stato avviato", dice Longo, presidente Cociv.

Restano, e non sono poche, le remore del sindaco di Alessandria Rita Rossa e del presidente della provincia Paolo Filippi che chiedono il mantenimento da parte di Rfi degli impegni presi nel protocollo del 2006 per l'infrastrutturazione del retroporto logistico di Alessandria e Novi San Bovo. "Senza un progetto sullo sviluppo della logistica, la nostra posizione resta contraria all'opera". Chiede, il sindaco, che  venga definito chiaramente un progetto complessivo "prima dell'avvio dei lavori, in caso contrario, non ci sono le condizioni per aprire i cantieri". E' scontro aperto tra Rossa e l'assessore ai trasporti della Regione Bonino per lo "smantellamento" della società Retroporto Alessandrino, sostituita da una "camera di regia tra Piemonte e Liguria". 
“Riconosco con soddisfazione – conclude Rita Rossa - il ben diverso atteggiamento del presidente Roberto Cota e sono certa che sarà confermato da quello dei rappresentanti alessandrini in Regione che sapranno riprendere il percorso che era stato avviato. Così come sono fiduciosa, grazie anche al sostegno aperto e pubblico dei parlamentari Bargero, Borioli, Balduzzi e Lavagno, che le sollecitazioni fatte dal ministro Lupi ai suoi tecnici porteranno alla rapida apertura di un Tavolo che sappia riconoscere il giusto ruolo della centralità del capoluogo. Un capoluogo forte, infatti, è utile a tutto il territorio provinciale”.
Si dicono "parzialmente soddisfatti" i primi cittadini al termine del lungo incontro: "l'informazione va fatta prima dell'avvio dei lavori".
29/10/2013
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Sezzadio: la "Marcia per l'acqua" contro la discarica
Sezzadio: la "Marcia per l'acqua" contro la discarica
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé