Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia

Bando per i piani formativi di imprese piemontesi

La misura finanzia piani formativi realizzati direttamente dalle imprese per rispondere ai fabbisogni espressi delle aziende in relazione all’aggiornamento delle competenze della forza lavoro e alla costruzione di competenze il cui fabbisogno è previsto a medio-lungo termine
ECONOMIA - Bando piani formativi di impresa a finanziamento diretto per la formazione dei lavoratori occupati presso le imprese localizzate in Piemonte (Misura 3.10iv.12.02.01) attuativo della Direttiva regionale Formazione Continua e Permanente dei lavoratori occupati - Periodo 2016/2018 di cui alla D.G.R. n. 26-3145 del 11/04/2016 e s.m.i.

La misura 3.10iv.12.02.01 finanzia piani formativi realizzati direttamente dalle imprese.

Obiettivo della Misura
Rispondere ai fabbisogni espressi delle aziende in relazione all’aggiornamento delle competenze della forza lavoro e alla costruzione di competenze il cui fabbisogno è previsto a medio-lungo termine tramite la promozione di piani formativi realizzati da imprese (P.F.I.) localizzate in Piemonte per la formazione diretta dei lavoratori ivi occupati. Nello specifico, con il presente bando si intende promuovere la realizzazione di piani formativi promossi da imprese di grandi o medie dimensioni.
I Piani Formativi di Impresa (di seguito P.F.I,) sono costituiti da uno o più interventi formativi finalizzati a sostenere le scelte aziendali di investimento attraverso l’aggiornamento, la riqualificazione o la riconversione del proprio personale, con riguardo sia allo sviluppo dell’innovazione e della ricerca, sia al mantenimento e/o all’incremento dei livelli occupazionali.

Finalità
Si considerano finanziabili ai sensi del presente Bando i P.F.I. finalizzati a sostenere:
- situazioni connesse a processi di ristrutturazione aziendale1 e/o nuove localizzazioni ad elevato impatto occupazionale in termini quantitativi e qualitativi, sostenuti da specifici accordi tra le rappresentanze provinciali o regionali delle parti sociali;
oppure l’attivazione di processi o produzioni innovative particolarmente significative per lo sviluppo regionale. Ai fini del presente bando rispondono a tale finalità i piani che siano riferiti ad una delle alle sei aree di innovazione (aereospazio, automotive, chimica/verde/cleantech, meccatronica, made in Piemonte e salute e benessere) individuate e descritte nel documento “S3 Strategia per la specializzazione intelligente del Piemonte” disponibile all’indirizzo internet www.regione.piemonte.it/partenariato1420/dwd/S3piemonte.pdf. (rif. Pag. 76 del citato documento). Rispondono altresì alla medesima finalità i piani costituti da interventi in ottica di green economy e di clean production, come definiti nel Documento Strategico Unitario per la programmazione 2014-2020 dei fondi europei a finalità strutturali;
oppure
- progetti aziendali di investimento già approvati e finanziati da altri Fondi Strutturali nell’ambito della programmazione comunitaria per il periodo 2014/2020, con cofinanziamento della Regione, nei quali il ricorso ad azioni formative costituisca un indispensabile complemento.

Gli interventi che compongono il piano devono avere i seguenti oggetti:
1. formazione organizzativo–gestionale, finalizzata allo sviluppo delle tecniche di gestione e/o organizzazione aziendale (o dei servizi) e delle procedure interne nonché all’acquisizione di competenze digitali e linguistiche;
2. formazione tecnica/tecnologico-produttiva, finalizzata allo sviluppo di tecniche/tecnologie di produzione in senso lato, alla conduzione di impianti, attrezzature, macchinari, o alla sperimentazione di materiali o prodotti innovativi.

Sono finanziabili ai sensi del presente Bando le attività formative di durata compresa tra un massimo di 200 ore ed un minimo di 30 ore. Fanno eccezione i corsi soggetti a normative specifiche, per i quali è considerata ammissibile la durata obbligatoria eventualmente prevista dalle normative medesime. Le attività formative del piano devono essere realizzate in adeguate sedi dotate di spazi dedicati alla formazione, pienamente rispondenti per quantità e qualità alle attività del piano formativo di impresa. Le esercitazioni pratiche devono essere svolte in situazioni di simulazione a scopo didattico o, eventualmente in laboratori appositamente attrezzati; eventuali attività di tipo addestrativo comprese nel programma approvato ed il cui svolgimento sia previsto in affiancamento sul posto di lavoro potranno impegnare al massimo un quarto della durata effettiva del corso.

Il P.F.I. si sviluppa attraverso tre fasi distinte:
La proposta iniziale riporta la finalizzazione e gli obiettivi perseguiti dal Piano, le relative strategie, l’analisi dei fabbisogni connessi, la definizione ed i contenuti degli interventi costituenti il Piano e per ciascuno di essi individua la durata prevista ed il numero complessivo di partecipanti. In relazione a tali elementi, sulla base del sistema parametrale ed in applicazione delle norme comunitarie in materia di aiuti stato (Reg. UE 651/2014), viene attribuito un valore economico massimo a ciascun intervento; l’insieme di tali valori costituisce il valore massimo del P.F.I. (parte economica della domanda). Il P.F.I. e gli interventi che lo compongono sono oggetto della valutazione che si conclude con il relativo provvedimento. La somma degli importi relativi agli interventi approvati costituisce l’ammontare complessivo massimo del P.F.I. La definizione di dettaglio precede l’inizio delle attività e consiste, per i soli P.F.I. approvati, nella definizione delle singole edizioni di ciascun intervento, anche differite nel tempo, in relazione alle specifiche esigenze organizzative.

La definizione di dettaglio delle singole edizioni di interventi approvati è soggetta a una specifica procedura. Possono essere realizzate più edizioni di un medesimo intervento fino all’esaurimento dell’importo approvato per l’intervento stesso.

La realizzazione delle attività è posta in capo al soggetto beneficiario (impresa) che ne è titolare e consiste nell’esecuzione e gestione delle edizioni nel rispetto delle condizioni previste dal presente Bando, dai relativi dispositivi di attuazione e delle vigenti norme e disposizioni comunitarie, nazionali e regionali. Il finanziamento del P.F.I. avviene tramite l’erogazione di un contributo rapportato all’attività effettivamente realizzata in ciascuna delle edizioni di ogni intervento, in termini di durata e partecipazione.

Sono attribuite al presente Bando, risorse pubbliche per Euro 2.000.000,00, derivanti dalla dotazione del POR FSE 2014-20 e previste complessivamente sulla misura 3.10iv.12.02.01 della Direttiva Formazione Continua e Permanente – 2016/2018

Le domande devono essere presentate a: Regione Piemonte – Direzione Coesione Sociale - Settore Formazione Professionale Via Magenta 12 – II piano – Torino in orario d’ufficio per il pubblico (dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 sabato e festivi esclusi) nel seguente periodo di apertura dello sportello dal 10/09/2018 al 10/09/2019 Le domande pervenute fuori dai predetti termini saranno respinte (non farà fede il timbro postale).

link al bando in originale
21/08/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film