Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Acqui Terme

Rossella Brescia danza ad Acqui in Palcoscenico

Per la quarta serata del festival "Acqui in Palcoscenico" ci sarà l'attesissima esibizione di Rossella Brescia che, al termine dello spettacolo, riceverà dalle mani dell'Assessore alla Cultura Carlo Sburlati, il premio AcquiDanza 2011
Quarto appuntamento, domenica 17 luglio, per la rassegna danzante danzante di “Acqui in Palcoscenico” che, nella serata di domenica, vedrà esibirsi sul palco del teatro all'aperto “Giuseppe Verdi” la compagnia Danzitalia che porterà nella città termale le note della “Carmen”. Lo show sarà l'occasione di vedere all'opera colei che ha ricevuto il premio Acquidanza 2011, ovvero Rossella Brescia, una delle più popolari interpreti moderne di questa disciplina. 

La potenza della musica di Bizet è riuscita a far diventare il nome “Carmen” un archetipo universale della cultura dell’Occidente. Dire Carmen è un po’ come dire passione estrema, voluttà, forza e istinto. Carmen è il sole del Sud, la felice disperazione di possedere solo se stessi e la propria libertà. Immaginata nell’isola di Lampedusa, isola del Sud per la ricca e annoiata Europa, mitico Nord per centinaia di disperati e profughi in fuga chissà da dove e chissà per quanto tempo. Storie, del resto, sotto i nostri occhi dalla mattina alla sera. Carmen può essere oggi sudanese, kurda, afghana, kosovara, pakistana, e non ha paura di rischiare per la propria libertà.
È una giovane donna che, come una leonessa, sa di possedere forza, bellezza, potenza e libertà. Carmen sa di avere quella ricchezza che non si può comprare. Mentre l’uomo-Don Josè è il poveraccio, imbrigliato nella sua burocratica e sicura armatura di maschio occidentale, ad avere tutto da perdere contro chi non ha nulla da perdere. E poi c’è l’Escamillo dell’Opera di Bizet. Il grande torero. Il “macho”, diremmo noi oggi. Straordinario ritratto, anche questo, di personaggio archetipo. L’uomo del successo, l’uomo della gloria effimera. Tutto sommato l’uomo della superficialità. La storia termina con la morte di Carmen. Ma perché non ci chiediamo che fine farà Don Josè? Chi è il vero perdente? Chi muore o chi resta vivo, ucciso nell’anima, nella fede, nell’orgoglio, nella speranza?

Lo spettacolo come sempre avrà inizio alle ore 21.30 con biglietti interi a 15 € e ridotti a 10 € e prenotazioni presso l'assessorato alla cultura di palazzo Robellini, allo 0144-770272. 
17/07/2011
Stefano Duberti - stefano.duberti@yahoo.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...