Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Misure antiterrorismo anche in provincia con le squadre "sos" dell'arma

Si riorganizza l'arma dei Carabinieri per dare "risposte diverse" alle "nuove modalità di attacchi terroristici". Nessun allarme specifico o immediato, precisa il colonnello Enrico Scandone, comandate Provinciale dei Carabinieri. Bensì un'azione "di prevenzione": l'organizzazione di Squadre Operative di Supporto, Sos, che hanno già operato al Serravalle Outlet
PROVINCIA - Si riorganizza l'arma dei Carabinieri per dare "risposte diverse" alle "nuove modalità di attacchi terroristici". Nessun allarme specifico o immediato, precisa il colonnello Enrico Scandone, comandate Provinciale dei Carabinieri. Bensì un'azione "di prevenzione": l'organizzazione di Squadre Operative di Supporto, Sos, equipaggiate ed addestrate per intervenire in caso di necessità. "Non solo a seguito di attacchi terroristici, ma anche in eventi come rapine da parte di bande organizzate e armate". 
In Provincia hanno già fatto il loro arrivo quattro militari delle Sos, provenienti da Torino.
I recenti fatti di cronaca insegnano infatti che le modalità di attacco sono cambiate: "i terroristi puntano a luoghi impensabili, e colpiscono gente comune. Le risposte che lo Stato dà devono adeguare si adeguano" è la spiegazione del colonnello Scandone. 
Tra gli obiettivi sensibili c'è il Serravalle Outlet, il più grande centro commerciale d'Europa. E i militari del Sos hanno già prestato servizio nell'area. 

"In questi mesi li vedrete però anche in altri luoghi, da piazza del Duomo di Alessandria, alla stazione, solo per fare alcuni esempi, ai posti di blocco". Il loro compito, in questa fase, è infatti quello di prendere "confidenza con il territorio", in modo da intervenire prontamente, nel caso di rendesse necessario.
Le unità antiterroristiche storiche dell'Arma hanno sede a Livorno: i Gis, gruppo di intervento speciale e i paracadutisti della Tuscania. Si tratta di personale sceltissimo ed addestrato per missioni estreme in zone di guerra. Il secondo livello di intervento è affidato alle Api, aliquote di primo intervento, presenti al momento nelle grandi città. Le più vicine ad Alessandria sono quelle di Genova e Torino.
Il terzo livello è quello affidato ai Sos. I primi specialisti delle squadre di supporto arrivano da Torino, "ma non è escluso che non venga istituito un nucleo anche in provincia", aggiunge Scandone.
L'equipaggiamento di cui sono dotati i militari del Sos è simile a quello dei nuclei specializzati di Livorno: caschi, giubbotti antiproiettile, caricatori a portata di mano, armi più pesanti rispetto alla dotazione ordinaria. Si muovono su un Land Rover blindato ed hanno seguito un addestramento adeguato. "Si tratta di un impegno preventivo – tiene a ribadire il colonnello – per consentire di avere una capacità di reazione diversa a fatti gravi, sia che si tratti di attacco terroristico, sia che si tratti di rapine particolarmente cruente da parte di bande organizzate". 
24/03/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...