Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Casale Monferrato

Vandelli, Beggar's Farm, De Cola e Piazza conquistano la notte di Casale

La città risponde al concerto della Lilt. Si raccoglievano fondi per la ricerca contro il mesotelioma. Un grande impegno anche dell'amministrazione comunale
La Lilt ed il Comune di Casale hanno chiamato e i cittadini hanno risposto. E’ stato davvero un successo il concerto del “Rock italiano anni Sessanta” che ha visto come protagonista principale Maurizio Vandelli venerdì sera. Il L’evento, che si è svolto al Mercato Pavia (nell’area dove mensilmente si tiene il Mercatino dell’Antiquariato) aveva come finalità la raccolta di fondi da destinare alla ricerca medico –scientifica sul mesotelioma pleurico ed all’assistenza alle famiglie colpite dal dramma del “mal d’amianto”. Ad aprirlo è stato Massimo Iaretti, coordinatore della Delegazione Lilt “Monferrato” che l’ha dedicato a due volontari Patrizia Garrone e Giancarlo Gatti ed al direttore de “Il Monferrato” Marco Giorcelli “la penna più intelligente nata a Casale negli ultimi 50 anni”. Poi il presidente della Sezione provinciale Pier Giacomo Betta ha letto un messaggio del ministro della Salute Renato Balduzzi. Infine il sindaco di Casale Giorgio Demezzi ha ricordato la necessità dell’impegno di tutta la cittadinanza per la ricerca. Tra il pubblico c’erano il coordinatore della Vertenza amianto Bruno Pesce, Romana Blasotti Pavesi, presidente Afeva, il prefetto di Novara Francesco Valerio Castaldo e il coordinatore della Lilt di Novi Ligure, Gianni Castellani che ha avuto un ruolo importante nell’organizzazione della serata. Poi la musica con i Beggar’s Farm guidati da Franco Taulino che sul palco ha mostrato tutto il suo carisma, interpretando, tra le altre Hey Jude ed un brano dei Jethro Tulla, Rosario De Cola interprete di una bellissima “Blowin’ in the wind” di Bob Dylan, Giorgio “Fico” Piazza fondatore della Pfm che ha suonato l’indimenticabile “Celebration”. Vandelli ha eseguito una decina di canzoni, coinvolgendo tutto il pubblico, da “Tutta mia la città” a “Nel cuore e nell’anima”, a “La canzone del sole” di Lucio Battisti, all’indimenticabile 4 marzo 1943 che lo vide arrivare come “Nuova Equipe 84” (e con Franz Di Cioccio alla batteria e Dario Baldan Bembo alle tastiere) terzo a Sanremo 1971 in accoppiata con Lucio Dalla. E nel concerto hanno fatto sognare anche le “Impressioni di settembre” della PFM e “La bambola” di Patty Pravo. Infine i ringraziamenti ai vari sponsor della serata – Amc, Cosmo, Novauto, Iarp, Mix, Sanden Vendo, Lan Service, Stat, Accornero Ettore, ai volontari della Lilt ed allo staff coordinato da Beppe Balbi, alla pro loco di Coniolo, alla Croce Bianca – Monferrato Soccorso, all’assessorato alle manifestazioni ed al sindaco di Casale.
29/07/2012
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Piantagione di marijuana nelle campagne di Lu Monferrato
Piantagione di marijuana nelle campagne di Lu Monferrato
Arti tra le mani
Arti tra le mani
Chaves legge Dante
Chaves legge Dante
Incendio a Mandrogne
Incendio a Mandrogne
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 735: il giro dei colli di Conzano
Sentiero 735: il giro dei colli di Conzano