Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Arquata Scrivia

Ruba l'auto della pizzeria e poi si cappotta in mezzo a un campo

E' successo ad Arquata Scrivia di fronte alla pizzeria "Da Margherita". "Ora dovremo comprare un'auto nuova", dice il titolare che ha aperto da meno di tre anni: "Prima della crisi lavoravo in edilizia, a fare le pizze ho imparato a militare"
ARQUATA SCRIVIA – Si è conclusa in mezzo a un campo, lungo gli argini del Po a Casale Monferrato, la folle corsa di un balordo che aveva rubato un’auto ad Arquata Scrivia. La vettura, una appariscente Fiat Panda rossa decorata con adesivi e vetrofanie, apparteneva a Enzo Guerra, titolare della pizzeria “Da Margherita” di via Libarna.

«Sabato sera verso le 19.15 stavamo facendo il solito giro di consegne a domicilio – racconta il 49enne arquatese – Il ragazzo incaricato stava mettendo le pizze nell’auto parcheggiata proprio di fronte al locale ed era rientrato un attimo per prendere altri cartoni da consegnare. Forse gli sono cadute le chiavi a terra e la vettura è rimasta incustodita per pochi secondi». Un brevissimo lasso di tempo, che comunque è stato sufficiente a qualche balordo per salire a bordo e sgommare via a tutta velocità.

«All’inizio ho pensato a uno scherzo – dice Guerra – Non riuscivo a credere che qualcuno avesse rubato un’auto molto riconoscibile grazie ai grandi adesivi pubblicitari. Comunque mi sono rivolto alle forze dell’ordine e ho anche messo un post su Facebook, con le immagini della mia Panda». Poco dopo sono arrivate le prime segnalazioni: «Mi hanno chiamato da Tortona, dicendo che l’auto era stata vista lungo la statale, di fronte al Mercatone Uno, mentre procedeva ad altissima velocità e facendo sorpassi azzardati».

Il ritrovamento dell’auto risale però a domenica pomeriggio, quando i carabinieri di Casale Monferrato hanno visto quella Panda cappottata in mezzo a un campo, nei pressi degli argini del Po. Nessuna traccia del ladro però. «Fortunatamente chi l’ha rubata non ha fatto male a nessuno con la propria guida spericolata», commenta Enzo Guerra. Non così si può dire del portafoglio dello scalognato pizzaiolo: «Ora dovrò acquistare un nuovo mezzo per le consegne perché la Panda è da buttare e dire che non sono ancora rientrato dell’investimento fatto quando ho aperto».

Guerra ha inaugurato “Da Margherita” nell’aprile del 2016: «Il nome è un omaggio a mia figlia, oltre che alla più classica delle pizze. Prima lavoravo nel settore edile, ma lì la crisi si è fatta sentire davvero tanto e ho cambiato totalmente ramo. Se ora faccio il pizzaiolo lo devo all’Esercito: è durante il servizio militare che ho imparato a cucinare. Come dice quel detto: “Impara l’arte e mettila da parte”. Con me ha funzionato».
30/01/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film