Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Erbaflor Peruzzo celebra il fondatore e sbarca a Taiwan

Erbaflor Peruzzo si appresta a sbarcare dall'altra parte del mondo: a Taiwan. L'azienda ha bisogno di poche presentazioni, perché a Novi Ligure i Peruzzo hanno fatto la storia dell'erboristeria. E per chi vuole conoscerne tutti i segreti, appuntamento da non perdere domenica 10 settembre all'opificio erboristico di Basaluzzo
NOVI LIGURE – Erbaflor Peruzzo si appresta a sbarcare dall’altra parte del mondo: a Taiwan, e per la precisione nella capitale Taipei. L’azienda ha bisogno di poche presentazioni, perché da sempre a Novi Ligure e dintorni il nome Peruzzo è sinonimo di erboristeria. La definizione in realtà è riduttiva, perché il marchio Erbaflor Peruzzo è oggi diffuso su tutto il territorio nazionale. Ma tre cose dai tempi del fondatore Iginio Peruzzo [foto in basso] non sono mai cambiate: la gestione familiare dell’azienda, l’amore per la natura e per i suoi frutti, il rapporto con il territorio.

Tre caratteristiche che sono subito piaciute a una coppia di imprenditori taiwanesi in vacanza in Italia. Si sono imbattuti per caso in uno store della Erbaflor Peruzzo e si sono innamorati dei prodotti realizzati dall’opificio erboristico di Basaluzzo, tanto da decidere di aprire un negozio nella capitale Taipei per farli conoscere a tutti i propri connazionali.

Di nuovo: dire «per caso» è riduttivo. Il successo internazionale della Erbaflor Peruzzo è frutto di scelte imprenditoriali azzeccate, e non della casualità. «Alla fine del 2016 abbiamo deciso di avviare una catena di franchising con il nostro marchio – spiega Irene Peruzzo, che con i genitori Rosanna Arecco e Sebastiano gestisce la Erbaflor – Negozi sono stati aperti a Milano, Genova, Napoli e Cecina (Livorno). Fino a giugno, inoltre, era in funzione un temporary store all’Outlet di Serravalle Scrivia».

Ed è proprio qui che la coppia di imprenditori di Taiwan si è imbattuta nei prodotti Peruzzo. «Stavano facendo shopping durante una vacanza nel nostro Paese, hanno fatto un acquisto nel nostro negozio e ne sono rimasti entusiasti. Così ci hanno contattato per avviare una trattativa», dice Irene Peruzzo. I due sono del mestiere: già importano altri prodotti dall’Europa e in particolare dalla Germania. «Il primo negozio Erbaflor Peruzzo in estremo oriente aprirà nel giugno 2018, a Taipei, ma il mese prossimo già partirà una campagna pubblicitaria e da gennaio i taiwanesi potranno fare acquisti sul nostro store online».

La bontà del progetto della Erbaflor è stato riconosciuto a livello nazionale anche dall’Iref e il 25 settembre i Peruzzo saranno a Caserta per ritirare il premio per il franchising e il partenariato. A novembre voleranno alla volta di Parigi, dove saranno presentati come la novità dell’anno tra i brand italiani.

Un successo tira l’altro, insomma. Ma Irene Peruzzo rimane con i piedi ben piantati in Italia: «Questo è il nostro Paese, questa è la nostra terra. Qui è partito tutto e qui puntiamo a svilupparci ulteriormente». Una dimostrazione tangibile ne sono i tanti negozi sparsi un po’ in tutto il Piemonte e la Liguria.

E per chi vuole conoscere la storia di questa mitica famiglia di erboristi c’è un appuntamento da non perdere: quello di domani, domenica 10 settembre, all’opificio erboristico di Basaluzzo (località Sant’Antonio, via Vecchia Novi 19). A partire dalle 15.30, infatti, sarà possibile visitare il laboratorio, degustare alcuni prodotti e ascoltare buona musica con i Canterini della Valpolcevera. Soprattutto, sarà possibile conoscere tutti i segreti della storia di Iginio Peruzzo, a cui è stato dedicato il libro “La pietra nera” che verrà presentato alle 17.30.

Iginio, detto Gino, aveva una sensibilità rara e un particolare legame con la natura. Persona generosa e sempre disponibile nei confronti del prossimo, sapeva davvero ascoltare chi gli stava davanti. Per buona parte della sua vita ha continuato a fare l’agricoltore, ma a lui si rivolgevano anche persone con malanni di ogni genere. Iginio Peruzzo si guadagnò presto l’appellativo di guaritore e la sua fama varcò l’Appennino. Nel dopoguerra sistemò un laboratorio per le erbe accanto a casa. Da lì è iniziata la storia della Erbaflor Peruzzo, che si è intrecciata con quella di una misteriosa pietra nera. Ma qui ci fermiamo: appuntamento domani a Basaluzzo, se volete saperne di più.
9/09/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Piantagione di marijuana nelle campagne di Lu Monferrato
Piantagione di marijuana nelle campagne di Lu Monferrato
Chaves legge Dante
Chaves legge Dante
L'ultimo video di Andrea
L'ultimo video di Andrea
Sentiero 727: da Pieve di San Giovanni al Santuario di Crea
Sentiero 727: da Pieve di San Giovanni al Santuario di Crea
Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone
Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone
Sentiero 607: la strada di Napoleone nella zona di Valenza
Sentiero 607: la strada di Napoleone nella zona di Valenza