Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e lavoro

La crisi Mondial finisce a Torino

Incontro in Comune a Casale e una sola certezza: il coinvolgimento della Regione Piemonte nella ricerca di una soluzione per ridurre il più possibile l'impatto sociale degli esuberi annunciati, pari alla metà dei 220 dipendenti
ECONOMIA E LAVORO - Una sola certezza. Politica. Il coinvolgimento della Regione Piemonte nella ricerca di una soluzione per ridurre il più possibile l'impatto sociale della crisi della Mondial (vetrine refrigeranti e frigoriferi industriali). Altro, di fatto, non c'è. E la politica, dal canto suo, ha margini limitati di manovra. Ma la speranza comunque c'è, pur a fronte di una situazione pesantissima che ancora una volta vede al centro una impresa di quello che una volta era il florido 'Distretto del freddo' del Casalese. L'incontro ospitato ieri, lunedì, nella sala consiliare del Comune di Casale è stato di carattere istituzionale, voluto per fare il punto della situazione anche di fronte a parlamentari e amministratori del territorio. Il 13 gennaio scade la cassa integrazione per i dipendenti dell’impianto e per il futuro permangono molte incognite. La soluzione prospettata, quella di una nuova società dal nome 'Mondial Refrigeration', che dovrebbe far capo a una quindicina di lavoratori, è stata definita “la più realistica”, anche “se di difficile realizzazione”. La Mondial dopo avere aperto le porte, alla fine del 2014, della sede produttiva di Mirabello Monferrato ad autorità, amministratori pubblici, forze dell'ordine e Confindustria, annunciando in quella occasione la “strategia industriale e logistica di Mondial Group” pronta a “consolidare i mercati internazionali”, ha annunciato 110 esuberi su 220 dipendenti. Il sindacato tenta di difendere il difendibile, mentre l'ipotesi della newco (nuova società) appare non facile da realizzare, sarebbe in ogni caso lunga e laboriosa, e comunque l'affitto di un ramo di azienda viene visto in modo critico da Cgil, Cisl e Uil che parlano di clausole non accettabili anche perché ai dipendenti in esubero pare fosse intenzione chiedere una rinuncia scritta alla possibilità di passare alla nuova società.

All'incontro convocato da Titti Palazzetti, sindaco di Casale Monferrato, hanno partecipato il vice sindaco con delega al lavoro, Angelo Di Cosmo, e il consigliere comunale Matteo Vargiolu, il presidente della Provincia Rita Rossa con il vice presidente Angelo Muzio e il consigliere provinciale Giuseppe Iurato, l’onorevole Cristina Bargero, i rappresentanti del Comune di Mirabello Monferrato, dei sindacati e un centinaio di lavoratori dello stabilimento. La società è stata rappresentata da Giuseppe Goffi, consulente incaricato dal mese di ottobre di seguire la crisi aziendale. Per Titti Palazzetti, l'ipotesi di affitto di ramo d'azienda “riuscirebbero a soddisfare le commesse ricevute fatturando dai 16 ai 18 milioni di euro e impiegando dagli 80 ai 110 dipendenti sui 220 complessivi. Gli esclusi dovrebbero firmare una rinuncia a qualsiasi rivalsa per usufruire di 9 mesi di proroga della cassa integrazione ma non tutti sono disponibili a farlo. Di fronte al rifiuto di molti a firmare, la proprietà ha avviato le procedure di licenziamento, un iter di 90 giorni”. Con l’avvio della procedura per l’esubero di personale “si dovrà trovare entro tre mesi un’intesa” rileva Muzio. Che puntualizza: “Un qualsiasi progetto non dovrà far venir meno la permanenza dello stabilimento produttivo a Mirabello”. Rita Rossa ha annunciato “la disponibilità degli assessori regionali al lavoro, Gianna Pentenero, e alle attività produttive, Giuseppina Desantis, a fissare nei prossimi giorni un incontro, auspicando la partecipazione dell’amministratore delegato di Mondial, Franco Monico, fondamentale per la stipula di un patto credibile”.
10/01/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus


Piantagione di marijuana nelle campagne di Lu Monferrato
Piantagione di marijuana nelle campagne di Lu Monferrato
Junior Casale: gli highlights del derby con Biella
Junior Casale: gli highlights del derby con Biella
Bilancio 2016 tra disoccupazione e aziende in crisi
Bilancio 2016 tra disoccupazione e aziende in crisi
Incendio alla raffineria di Sannazzaro
Incendio alla raffineria di Sannazzaro
Coldiretti: il tavolo di crisi per i danni del maltempo non può aspettare
Coldiretti: il tavolo di crisi per i danni del maltempo non può aspettare
Coldiretti, la conta dei danni per le produzioni agricole
Coldiretti, la conta dei danni per le produzioni agricole
Fca, Delrio: "Dieselgate? Ok confronto ma dai tedeschi esigiamo rispetto"
Fca, Delrio: "Dieselgate? Ok confronto ma dai tedeschi esigiamo rispetto"
Smisuratamente ricchi: cresce la disuguaglianza - videoscheda
Smisuratamente ricchi: cresce la disuguaglianza - videoscheda
McDonald's di Borgo Pio: cinque mesi di pasti per i clochard
McDonald's di Borgo Pio: cinque mesi di pasti per i clochard
Variazioni enigmatiche al Relais Santa Croce di Firenze
Variazioni enigmatiche al Relais Santa Croce di Firenze
Brescia, il nuovo sport delle giornate al gelo: impazza il curling nel fosso
Brescia, il nuovo sport delle giornate al gelo: impazza il curling nel fosso
Bologna, acqua gelata sui cani per lavare i box
Bologna, acqua gelata sui cani per lavare i box
La Fiorentina batte la Juve: Ceccherini e il pappagallino festeggiano cantando l'inno viola
La Fiorentina batte la Juve: Ceccherini e il pappagallino festeggiano cantando l'inno viola
Firenze, la videoagenda della settimana
Firenze, la videoagenda della settimana