Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Basket

Junior, si può vincere...perdendo

Tenace prestazione in quel di Siena della Novipiù, che costringe i campioni d'Italia ad un impronosticabile overtime. Finisce 88-86 per la Montepaschi, che mantiene il primato in classifica.
La fine che ti aspetti, nella forma ma non nella sostanza. Siena-Casale termina nel più prevedibile dei modi, la vittoria dei giganti campioni contro la piccola neopromossa, ma stupisce il modo in cui perviene un risultato che alla vigilia chiunque avrebbe dato per scontato e che, invece, di scontato ha proprio nulla. Una partita che equivale ad un copione del quale si conosce perfettamente il finale ma che riesce comunque a stupire per la genialità della trama e la fantasia del suo artefice. Che la Montepaschi riuscisse a battere la Junior lo si poteva benissimo immaginare. Che non bastassero ai campioni d'Italia i tempi regolamentari per farlo, un po' meno. Eccola qua, servita su un piatto d'argento, la trama che non ti aspetti. Geniale e fantasiosa nella sua essenza fatta ad immagine e somiglianza di chi si è messo in testa l'idea meravigliosa di continuare, imperterrito, a stupire. Non bastavano la lotta punto a punto contro Milano e le vittorie contro Avellino e Cantù. Qualcuno, facciamo pure il nome, Marco Crespi, coltivatore di sogni per professione e vocazione, si è messo in testa l'idea spavalda di provare l'impossibile, andare a Siena per vincere. Missione compiuta, anche se il tabellone recita il contrario. Dettagli, perchè si può vincere anche perdendo, essere grandi pur essendo una piccola realtà, indossare i panni della star del basket italiano e trovarsi dannatamente a proprio agio anche se in Serie A si è appena entrati in punta di piedi. Lezione di sport, di filosofia, di vita. Tre concetti che spesso si incrociano, e dal loro intreccio nascono realtà belle e vere come questa Junior, fatta di giocatori che da semi-sconosciuti si stanno facendo conoscere in tutta Italia, ma soprattutto fatta di grandi uomini, che mettono impegno, dedizione ed umiltà dove non riescono ad arrivare con la forza e l'esperienza dei campionissimi. Nelle ultime cinque gare vittorie contro Avellino e Montegranaro, sconfitta all'overtime contro Venezia, vittoria contro Cantù e sconfitta all'overtime contro Siena. Niente male, per essere dei novellini. Anche se questi piccoli grandi eroi sembrano essere tutto fuorchè tali.

Il primo quarto, come al solito ormai, è di marca Junior: parte fortissimo Siena, che dopo appena 15'' di gara si porta sul 4-0, ma la Junior risponde bombardando dalla distanza con Temple, doppio Nnamaka e Janning, il migliore a fine gara con 16 punti all'attivo. Andersen tiene a galla i campioni d'Italia, che chiudono la prima frazione di gara in svantaggio di appena due lunghezze, 16-18 dopo i primi 10'. Secondo periodo in mano ai padroni di casa, che chiudono in vantaggio di tre punti, 43-40, la prima metà di gara. Un mini ribaltamento dovuto più alle accelerazioni e alla impietosa precisione sotto canestro di Mc Calebb e compagni piuttosto che a reali mancanze di una Junior che anche grazie al contributo di outsiders come Malaventura e Pierich resce a tenere inaspettatamente il passo. La seconda metà di gara si apre con un entusiasmante duello a distanza tra Janning e Mc Calebb, quest'ultimo tornato a pieno regime dall'infortunio. Gli undici punti del numero 23 rossoblu permettono di entrare nell'ultimo quarto di gara sul risultato di perfetto equilibrio, 60-60. Andersen, migliore in campo con 21 punti, spaventa da tre, ma Chiotti e Temple livellano la distanza. Finale di gara al cardiopalmo: a 5'' dalla fine il risultato è di 76-76 con possesso palla Casale, che ha in mano il pallino della vittoria, ma la grande difesa di David Moss impedisce l'avverarsi del sogno. Si va, dunque, all'overtime. Bomba dalla distanza di Rakocevic, che poi ribadisce a canestro, ma Temple e Shakur trascinano Casale verso l'ultimo minuto, nel quale sono decisivi da un lato i tiri dalla lunetta di Rakocevic e Mc Calebb, e dall'altro il tiro all'ultimo secondo di Shakur che finisce solo sulla tabella, fissando il risultato sul finale 88-86.

Poco male, nel senso che l'unico lato negativo, alla fine dei conti, è lo zero in classifica che, perlomeno, non è più di tanto aggravato dai risultati sugli altri campi: del gruppo di coda, solo Montegranaro sale a 8 punti in classifica battendo Sassari 85-76, Cremona rimane appaiata a quota 6 prendendo un'imbarcata contro Venezia (83-70), mentre Teramo rimane all'ultimo posto perdendo al fotofinish contro Roma (64-67). Con una classifica non più di tanto peggiorata e con una bella dose di autostima derivante dal fatto di aver battuto i vicecampioni d'Italia e di aver comunque fatto sudare le proverbiali sette camicie ai campionissimi di Siena, la Junior si appresta a vivere in settimana un altro momento storico, il primo derby piemontese di SerieA, contro Biella che nel frattempo ha beneficiato del turno di riposo oltre alla sosta natalizia. Un avversario che, dunque, arriverà al PalaFerraris con molta freschezza fisica. Con una Junior cosi, in formato Final Eight, lo spettacolo è assicurato.

TABELLINO
MONTEPASCHI SIENA-NOVIPIÙ CASALE 88-86 d1ts
(16-18; 43-40; 60-60; 76-76)
MONTEPASCHI SIENA:
Mc Calebb 13, Zisis, Andersen 21, Rakocevic 14, Carraretto 4, Thornton 14, Ress 5, Michelori 2, Lechtaler 2, Stonerook, Aradori 7, Moss 6. All.: Pianigiani
NOVIPIÙ CASALE:
Malaventura 6, Gentile 8, Nnamaka 7, Pierich 3, Martinoni, Chiotti 11, Temple 14, Stevic 7, Giovara ne, Ferrero, Shakur 14, Janning 16. All: Crespi.

La foto è di Enzo Conti


28/12/2011
Riccardo Robotti - riccardo.robotti@alice.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Incendio a Mandrogne
Incendio a Mandrogne
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello