Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Casale Monferrato

Casale Monferrato e Mantova: la cultura unisce le due città

Al Castello del Monferrato da sabato 17 febbraio le mostre “Che resta / Was Bleibt / Quello che rimane” e “Casale Monferrato, la Piazzaforte Europea del Rinascimento”
CASALE MONFERRATO - La collaborazione tra il Comune di Casale Monferrato e il Complesso Museale di Palazzo Ducale di Mantova si consolida e prosegue con due mostre-evento che verranno inaugurate sabato 17 febbraio alle 17 nelle sale del secondo piano del Castello del Monferrato: Che resta / Was Bleibt / Quello che rimane e Casale Monferrato, la Piazzaforte Europea del Rinascimento. Il positivo rapporto con Mantova, cementato dalla storia ma proseguito oggi con una proficua collaborazione culturale è uno dei punti trattati nel dossier di candidatura di Casale Monferrato a Capitale Italiana della Cultura 2020 che ha permesso alla città di approdare nella rosa ristretta delle dieci finaliste.  Le due mostre saranno le prime iniziative a fregiarsi del logo Casale Capitale Italiana della Cultura 2020 top ten. Le esposizioni saranno visitabili gratuitamente ogni sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19; giorni infrasettimanali su appuntamento al 0142 444330.

Che resta / Was Bleibt / Quello che rimane (fino al 2 aprile) è un percorso espositivo di arte contemporanea curato da Peter Assmann e Renata Casarin, direttore e vice di Palazzo Ducale con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura. Si tratta di un progetto condiviso, oltre che con l’importante realtà museale mantovana, anche con a Galleria di arte contemporanea Scholß Parz di GrießKirchen (Austria). Saranno esposte opere di cinque artisti appartenenti alla cosiddetta Nuova Scuola di Lipsia: Laura Eckert, Rayk Goetze, Aris Kalaizis, Annette Schröter e Sebastian Speckmanna, tutti esponenti della “Narrazione viva”. Lo stesso materiale espositivo era stato presentato nella Galleria di Palazzo Ducale Mantova lo scorso autunno ed è attualmente esposto alla Galleria Scholß Parz di GrießKirchen.

Casale Monferrato, la Piazzaforte Europea del Rinascimento
(fino all’8 aprile) è dedicata alla Cittadella di Casale Monferrato. Ad organizzare la mostra è l’Assessorato alla Cultura in collaborazione con la Biblioteca Civica/Archivio Storico Comunale "Canna, e con l'Associazione I Marchesi del Monferrato. Il percorso verte soprattutto sulle stampe raffiguranti la Città e la Cittadella di Casale Monferrato, pubblicate dalla fine del Cinquecento agli inizi del Settecento, conservate dall'Archivio Storico Comunale, e riferite a quella che fu una delle più importanti piazzeforti europee del Rinascimento e dell'età barocca, sotto le cui mura Francia e Spagna si confrontarono ferocemente per il controllo dell'Europa. Presso la sede espositiva è prevista l'organizzazione di incontri dedicati alle tematiche più rilevanti, riguardanti questo luogo cardine della storia politica, diplomatica e militare europea. L’esposizione è un’appendice della mostra tuttora in corso a Palazzo Ducale Sabbioneta e Charleville città ideali dei Gonzaga.
6/02/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film