Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Casale Monferrato

Alla Job Academy nascono imprese innovative: "Prima insegniamo a credere nelle idee"

Ai giovani manca la visione del futuro, un pizzico di spirito di sacrificio e forse un po' di coraggio. Per questo è nata la Job Academy che va nelle scuole a insegnare l'autoimprenditorialità (ma non solo). E puntare sulle start up
CASALE MONFERRATO - Girano le scuole per dire ai giovani che 'si può fare', che con l'idea giusta, entusiasmo e sacrifici, anche in Italia, non è impossibile realizzare la propria idea di impresa.
Sono i ragazzi di Ingegni, incubatore ed acceleratore di impresa di Casale Monferrato (il prossimo anno saranno anche negli istituti di Vercelli e Alessandria) che hanno deciso di investire nelle competenze e soprattutto di spiegare ai più giovani cosa voglia dire competizione, invenzione, spirito imprenditoriale, lungimiranza. Tutte doti che servono per avviare una start-up, e che evidentemente mancano nei ragazzi monferrini (e non solo).

“Lo scoglio principale è la poca motivazione”, spiega Miriam Manassero CEO Ingegni – già imprenditrice innovativa nel settore dei carretti per gelati - “abbiamo girato tutte le scuole medie e superiori per spiegare il concetto di autoimprenditorialità cercando di infondere loro un po' di coraggio”. Sembra che ai giovani d'oggi – senza dover avvitarsi in un discorso generazionale – manchi, insieme alla visione del futuro che non va oltre al tipo tradizionale di azienda e al cosiddetto posto fisso.

Manassero e il suo team di professionisti ha così creato l'associazone Job Academy, una sorta di 'palestra' pratica e teorica in cui rendere reali le buone idee. Ma start-up innovative, nel senso stretto del termine, ce ne sono ancora poche: “Stiamo seguendo il progetto Nonno Sicuro, un'invenzione per l'assistenza agli anziani completamente digitalizzata”. Professionisti di supporto, team di valutazione e convalida dell'idea, infrastrutture. Ecco ciò che, per ora, offrono ai giovani coraggiosi. E non è poco: “Personalmente penso che ci sia molta sfiducia e poca propensione al sacrificio”, commenta Manassero, “Ho una decina d'anni in più di loro ma avverto un gap generazionale fortissimo dovuto ai social, che mostrano una realtà fasulla, e soprattutto danno l'idea che tutto si possa realizzare in poco tempo”. Senza sapere che neppure gli influencer sono diventati tali dall'oggi al domani. 

Job Academy ha l’obiettivo di creare un percorso formativo e un ponte tra scuola e lavoro per far incontrare le imprese del territorio e gli studenti più capaci, nella speranza di incentivare e trovare iniziative imprenditoriali innovative in grado di generare occupazione sostenibile e duratura nel tempo”.

Si organizzano anche corsi di web reputation e di alfabetizzazione informatica: “Tutti usiamo i social, ma la conoscenza di cosa siano e dell'informatica in generale è ancora bassa, soprattutto nelle scuole medie. Abbiamo notato nei 12enni una difficoltà a socializzare e a stare in gruppo. E poi parlano e commentano come se fossero in un social network”.
11/06/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...