Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Nuovi arrivi di richiedenti asilo in provincia. "Andranno nei comuni che finora non hanno ospitato"

La Prefettura attende nuovi richiedenti asilo in provincia, in ragione dei continui sbarchi, e apre a nuove manifestazioni d'interesse per l'affidamento del servizio di accoglienza. Si punterà però sui comuni che non stanno già ospitando. Intanto il sindaco Cuttica incontra per il Prefetto per fare il punto sulla situazione
ALESSANDRIA - La Prefettura di Alessandria, in conformità alle direttive impartite dal Ministero dell'Interno, deve procedere all'accoglienza e assistenza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, e lo farà nuovamente a breve perché i continui sbarchi mettono sotto pressione il territorio e il Piemonte sarà chiamato ancora una volta a fare la propria parte (tanto è vero che a Torino che si ragionando di un terzo hub di prima accoglienza, da collocare con ogni probabilità nella parte nord della Regione). 

"In considerazione del fatto che le ultime gare comunitarie non hanno comportato la soddisfazione delle necessità di questa Prefettura, nei termini di una distribuzione di migranti più equilibrata tra le diverse realtà locali - si legge nell'avviso pubblico comparso sul sito della Prefettura - verranno valutate le manifestazioni d'interesse pervenute dai soggetti interessati per l'eventuale affidamento del servizio fino all'espletamento della nuova procedura di gara. I servizi dovranno essere assicurati nelle strutture ubicate nel territorio dei Comuni della provincia di Alessandria che allo stato attuale non accolgono migranti, né aderendo alla rete SPRAR né tramite i CAS (Centri di Accoglienza Straordinaria). Ciascuno dei Comuni interessati potrà accogliere un numero indicativamente non superiore a 10-15 migranti". 

La strategia adottata dalla Prefettura è pertanto quella di organizzare l'arrivo di nuovi migranti ripartendo gli sforzi sul territorio, e rivolgendosi quindi ai piccoli comuni che finora avevano mostrato indifferenza o riluttanza sulla possibilità di accogliere. 

Ecco, nel dettaglio, quali sono i comuni che allo stato attuale non hanno richiedenti asilo ospitati sul proprio territorio e che quindi potrebbero essere coinvolti dalle manifestazioni d'interesse:
Albera Ligure, Gamalero, Sala Monferrato, Alluvioni Cambiò, Garbagna, San Cristoforo, Altavilla Monferrato, Gavazzana, San Giorgio Monferrato, Alzano Scrivia, Gavi, San Salvatore Monferrato, Avolasca, Giarole, San Sebastiano Curone, Belforte Monferrato, Grognardo, Sant'Agata Fossili, Bergamasco, Grondona, Sardigliano, Berzano di Tortona, Guazzora, Sarezzano, Borghetto di Borbera, Isola Sant'Antonio, Serralunga di Crea, Borgo San Martino, Lerma, Solonghello, Borgoratto Alessandrino, Lu, Spigno Monferrato, Bosco Marengo, Malvicino, Spineto Scrivia, Bosio, Melazzo, Strevi, Brignano-Frascata, Merana, Tagliolo Monferrato, Cabella Ligure, Momperone, Tassarolo, Camino, Moncestino, Terruggia, Cantalupo Ligure, Mongiardino Ligure, Terzo, Capriata d'Orba, Monleale, Ticineto, Carentino, Montacuto, Treville, Carezzano, Montaldeo, Trisobbio, Carpeneto, Montaldo Bormida, Vignole Borbera, Carrega Ligure, Montecastello, Villadeati, Carrosio, Montechiaro d'Acqui, Villamiroglio, Casal Cermelli, Montegioco, Villanova Monferrato, Casaleggio Boiro, Montemarzino, Villaromagnano, Casalnoceto, Morano sul Po, Volpeglino, Casasco, Mornese, Voltaggio, Cassano Spinola, Morsasco, Castellania, Odalengo Grande, Castellar Guidobono, Odalengo Piccolo, Castelletto d'Erro, Olivola, CastellettoMerli, Orsara Bormida, Castelletto Monferrato, Ottiglio, Castelnuovo Scrivia, Ozzano Monferrato, Castelspina, Paderna, Cavatore, Pareto, Cella Monte, Parodi Ligure, Cereseto, Pasturana, Cerreto Grue, Pecetto di Valenza, Cerrina Monferrato, Pietra Marazzi, Coniolo, Piovera, Costa Vescovato, Pontecurone, Denice, Ponti, Dernice, Ponzano Monferrato, Francavilla Bisio, Ponzone, Frascaro, Pozzol Groppo, Frassinello Monferrato, Pozzolo Formigaro, Frassineto Po, Quargnento, Fresonara, Quattordio, Frugarolo, Ricaldone, Rivarone, Roccaforte Ligure, Rocchetta Ligure, Rosignano Monferrato.

Intanto, nei giorni scorsi, il Prefetto Romilda Tafuri ha ricevuto il sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco e l'assessore Riccardo Molinari, che l'hanno incontrata per informarsi sul punto della situazione e per chiedere un aggiornamento circa i numeri dei nuovi arrivi previsti in provincia (ricevendo rassicurazione di ottenerli quando la Prefettura avrà un quadro completo della situazione). 
27/07/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...