Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Dichiarazioni dei redditi: dove abitano i ricchi in provincia

Basso Monferrato, ma solo geograficamente parlando. Nel casalese sono concentrati maggiormente i contribuenti con redditi oltre i 55 mila euro. Nella Città dell'Oro, invece, le dichiarazioni irpef piangono. Stando ai dati sulle dichiarazioni...
PROVINCIA - Dove abitano i più ricchi della provincia di Alessandria? Nel Monferrato ncasalese, almeno stando alle dichiarazioni IRPEF del 2017 sui redditi dell’anno precedente. Sono dati pubblicati dal Sole 24 Ore e fanno riferimento ai redditi dichiarati, beninteso: in queste classifiche non sono conteggiate eventuali evasioni fiscali e furbetti del 730.

In media solo il 4,34% della popolazione nazionale ha dichiarato imposte per oltre 55 mila euro, a Terruggia si arriva al 9,59, a Cella Monte al 9,42 e nell’alessandrina Pietra Marazzi la percentuale è poco sopra l’8%. Castelletto Monferrato, paese già entrato in classifiche nazionali per i suoi virtuosismi a riciclare, figura tra i più ricchi del territorio, con il 7 per cento di dichiaranti over 55 (nel senso di migliaia di euro). A Rosignano la quota si ferma al 6,75, mentre Conzano e Tassarolo sono poco sopra il 6%. Il paese di Pellizza, Volpedo, ha il 5,9% di ricchi.

È Tortona il centro zona che sta meglio: 5,48. Alessandria è di poco sopra la media, con il 4,55% delle dichiarazioni sopra i 55 mila. Seguono Casale (4,43), Acqui Terme (4,34), Novi Ligure (4,22), Ovada (4,19). Valenza, la Città dell’Oro ha invece una bassa percentuale di ricchi: solo il 3,43% delle dichiarazioni supera la soglia dei 55 mila.

E al contrario, dove vivono i più poveri, ovvero quelli che nell’ultima dichiarazione dei redditi non sono andati oltre i 10 mila euro? Se la media nazionale di redditi bassi è del 29,13% della popolazione, a Ricaldone si supera il 50%, ad Alice Bel Colle sono 44,22. La geografia dei meno abbienti è varia, non c’è un nord e un sud della provincia, anche se le zone collinari e montuose soffrono maggiormente. Mongiardino ha il 41%, Carrega e Gavazzana il 40%. Castelletto d’Erro il 38,74, Avolasca il 36,57%.

Nelle città grandi è sempre Valenza ad avere il maggior numero di poveri: il 26% delle dichiarazioni IRPEF arriva al massimo a 10 mila euro. Alessandria (23,56), Tortona (22,88), Casale (24,27), Acqui (26,22), Ovada (24,46), Novi (22,89).
21/08/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi