Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Condannati i bad guys, al "capo" tre anni e otto mesi di carcere

La pena più alta, 3 anni e 8 mesi di reclusione (ai domiciliari) è stata riconosciuta all'uomo considerato "il capo" dei Bad Guys, i cattivi ragazzi oggetto di una lunga indagine dei carabinieri, culminata nell'arresto di quindici persone nell'ottobre del 2017. In dieci ieri hanno patteggiato
CRONACA - La pena più alta, 3 anni e 8 mesi di reclusione (ai domiciliari) è stata riconosciuta all'uomo considerato "il capo" dei Bad Guys, i cattivi ragazzi oggetto di una lunga indagine dei carabinieri, culminata nell'arresto di quindici persone nell'ottobre del 2017 per reati che vanno dall'incendio all'estorsione, dal falso in atto pubblico al favoreggiamento della permanenza illegale di cittadini extracomunitari.

In dieci, ieri, hanno patteggiato e tutti sono stati condannati dal tribunale di Alessandria, dove ieri si è tenuta l'udienza davanti al Gup. La pena più pesante, tre anni e otto mesi di reclusione, appunto, è stata riconosciuta a Fioramante Caruso, 35 anni residente a Serravalle Scrivia, difeso dagli avvocati Vittorio Spallasso e Laura Pianezza.

Attraverso minacce o intimidazioni cercavano il "controllo" del territorio su cui operavano, da Novi ad Alessandria. Le minacce andavano da parole come "ti taglio le dita", rivolte ad un agente immobiliare che tergiversava sulla vendita di un appartamento, all'incendio di auto nei confronti di un imprenditore che aveva ripreso sulluogo di lavoro la fidanzata di uno dei bad guys. Ma c'era anche la combinazione di matrimoni fasulli per fare ottenere permessi di soggiorno ad extracomunitari, o l'incendio di cassonetti per intimorire un intero condominio. 

Tra le altre persone coinvolte, c'era anche l'agente di polizia municipale Sergio Grosso, al quale è stato contestato il reato di falso in atto pubblico e abuso d'ufficio. Grosso era anche parte offesa. Secondo le indagini, avrebbe infatti elevato, insieme a un collega, una contravvenzione nel locale “Benvenuti al Sud”, in strada del Turchino a Novi, di fatto gestito da Caruso, inferiore a quella dovuta, per paura di ritorsioni. Per Grosso la condanna è di sei mesi e 18 giorni di reclusione, pena già scontata ai domiciliari. Era difeso dagli avvocati Alberto Mazzarello e Lorenzo Repetti.

Condannato ad un anno, pena sospesa, Paolo Bidone di Pozzolo Formigaro (difeso dall'avvocato Massimiliano Borsalino), che, sempre secondo le indagini, fece da prestanome a Caruso per attività economiche. Le altre pene: un anno e cinque mesi ad Anna Szalska, compagna del principale indiziato, pena sospesa (avvocato Roberto Grittini); un anno e 10 mesi per Antonino Intili, difeso dall'avvocato Claudio Simonelli; un anno e 7 mesi per Davide Lo Iacono (avvocati Davide Bianchi e Andrea Furlanetto); un anno a Mustapha Ahsikou, pena sospesa, difeso dall'avvocato Giuseppe Lanzavecchia; un anno e 4 mesi a Fabio Milia (avvocato Cardello); due anni a Klodian Bagosi, pena sospesa, tutelato dagli avvocati Capriata e Falleti; un anno e 4 mesi a Salvatore Cusumano, pesa sospesa, difeso dall'avvocato Fabio Beretta. Aveva scelto il rito abbreviato Giuseppe Lombardo già condannato a due anni; sarà giudicato con rito ordinario Domenico Franzé.
27/04/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



EVENTO 40° ANNIVERSARIO REVERCHON
EVENTO 40° ANNIVERSARIO REVERCHON
Inaugurazione DS Store Alessandria - Maurizio Zoccatato GrandiAuto
Inaugurazione DS Store Alessandria - Maurizio Zoccatato GrandiAuto
Inaugurazione DS Store Alessandria
Inaugurazione DS Store Alessandria
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
“HAKUNA MATATA “ per un pomeriggio e una sera “senza pensieri” al TEATRO ALESSANDRINO SABATO 17 MARZO
“HAKUNA MATATA “ per un pomeriggio e una sera “senza pensieri” al TEATRO ALESSANDRINO SABATO 17 MARZO